Le Calze Autunno Inverno 2017

Le Calze per la nuova stagione invernale

Per molto tempo le grandi maison della moda hanno bandito qualsiasi tipo di copertura per le gambe femminili.

Infatti il must nelle sfilate, era rappresentato dalla gambe “nature”, nuda, ben in vista, che lasciava spazio al resto delle creazioni indossate dalle modelle.

Ciò succedeva anche per la stagione fredda.

La nuova tendenza, invece, porta alla ribalta le mitiche calze femminili, in tutte le loro forme e materiali.

C’è l’ imbarazzo della scelta, o almeno i creativi si sono sbizzarriti nelle loro creazioni ed abbinamenti.

La nuova tendenza autunno inverno 2017 ci regala calze operate, a rete, velate, colorate.

E questa nuova moda è stata adottata immediatamente dalle star.

Che a seconda della serata o del momento, interpretano secondo i propri gusti e la propria personalità questo nuovo trend.le calze

 

Caroline Roitfeld da sempre coltiva una vera e propria passione per i collant. Già durante la Fashion Week di Febbraio 2017 aveva anticipato il trend che proprio allora sfilava in passerella indossando in più di un occasione la variante in pizzo nero. Trame operate anche da Balenciaga e da Céline che sceglie la maglia traforata, mentre l’effetto pitone è protagonista nella campagna di Alexander Wang insieme a Bella Hadid. La top model fuori dal set sceglie la rete, che indossa la sera con i sandali dai listini sottili, i jeans tagliati sopra al ginocchio e il bomber. Stessa preferenza in versione maxi per Kim Kardashian e ricoperta di cristalli per Kylie Jenner (Dbleudazzel).

Anche in quanto a nuances le opzioni sono diverse. La collezione Fall 2017 di Givenchy vuole il rosso dalla testa ai piedi, fuoco come il look di Naomi Campbell alla partita degli Yankees. Bianco da Veronique Branquinho e Nina Ricci, argento glitter da Chanel. Infine stampe multicolor da Vivienne Westwood (floreali) e Esteban Cortazar (tartan).

Il mio consiglio è quello di non fermarvi al vostro gusto ed al vostro modo di vestirvi, ma osate sempre.

Si vive una sola volta!

 

 

Autore dell'articolo: Debora Gemin